Cosa succede se non paghi Linkem. Risposta: ti attacchi

Alcune trappole messe dall’operatore per chi non paga. Ecco perchè bisogna stare attenti e puntuali nei pagamenti.

Linkem è come il tuo spacciatore di cocaina: lo odi ma non ne puoi fare a meno. Il suo servizio è scadente se paragonato a quello mondiale, ma nel mio territorio garantisce 3 megabit di velocità in più della costosa adsl di Telecom. Insomma costa la metà e va veloce il doppio. Niente da dire sul servizio che offrono. E’ molto competitivo e non ha rivali (da me). Come riescono a mantenere i prezzi cosi bassi e a pagare gli operatori italiani del servizio clienti? Si rifanno su chi non paga. E non di poco. Ogni due mesi emettono una fattura, arriva via mail, alla scadenza del mese paghi con un rid bancario e sei a posto. Nel caso non hai i soldi o nel particolare caso dove la tua banca fallisce o viene assorbita da un altro istituto, arrivi a perderti nel vorticoso labirinto della burocrazia italiota (italiana+idiota).

Se devi cambiare iban sul tuo contratto linkem, è meglio che ti metti il cuore in pace. Avete presente Banana Joe che deve farsi la carta d’identità?

Mando una mail:

– Buongiorno, mi chiamo Banana Joe. La mia banca è fallita. Non prendono più RID. Ecco il nuovo Iban! –

– No guardi, deve chiedere all’assistenza clienti, GENTILE CLIENTE.

Chiami il numero, a pagamento perchè non hai più il fisso…

– Buongiorno, mi chiamo Banana Joe. La mia banca è fallita. Non prendono più RID. Ecco il nuovo Iban! –

– Si, ecco il modulo da stampare e compilare, GENTILE CLIENTE –

Stampi, scarabocchi e invii il 3 maggio. Nessuna risposta. Sarà arrivato? Ma certo che è arrivato! Quando è stato registrato il nuovo iban? Il 16 maggio. L’ho scoperto perchè mi è arrivata una mail con questa lettera da [email protected]

linkem servizio clienti

Ora Banana Joe si innervosisce e salta la fila…rispondo alla mail indicata:

– Hey tu, guarda che ti ho inviato un modulo per il cambio iban il 3 maggio! –

Il giorno dopo…

– Gentile Cliente, per ricevere assistenza La invitiamo a contattarci in chat alla pagina –

Ci capiamo? Ho un insoluto pendente e questi passano la palla. Tipico italiano. Di nuovo, vai alla chat o richiama il numero a pagamento. L’operatore dice che le prossime fatture saranno addebitate sul nuovo iban fornito. Ma a me interessava quella insoluta, veramente…l’operatore mi dice che devo pagare con il bollettino, che non possono cambiare l’iban. COSA? Immaginate che operazione complessa aprire un profilo cliente e copiaincollare il nuovo iban! Non si può fare! Questo è l’atteggiamento classico in Italia, che ti fanno pagare cose stupide, vi faccio due esempi. Devo stampare di nuovo un bollettino, fare la fila in posta, un edificio con 64 sportelli, di cui UNO aperto e pagare una tassa, che aumenta sempre ogni volta che vai. Al momento, le poste si prendono 1 euro e 50 per contare i soldi e metterli a posto.

Fine della vicenda? Teoricamente si. Se invii la prova di pagamento all’indirizzo fornito chiedendo una conferma, loro non rispondono.

(Visited 1.027 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

I commenti sono chiusi.