La falsa intervista di Repubblica a casa di Carrie Fisher

Carrie Fisher non può riposare in pace con delle persone che si prendono gioco della sua morte per fare un siparietto e qualche click virale. Si chiamano sciacalli e sono i giornalisti di Repubblica. L’inviata Silvia Bizio si è recata davanti all’abitazione della Principessa Leila, poche ore dopo la notizia della sua scomparsa, per una live su Facebook che sarà ricordata come l’ultima figuraccia italiana del 2016 (si spera). E’ rimasta molto sorpresa di non trovare altri giornalisti al suo arrivo, ma è comunque riuscita a intervistare l’unico fan presente: un italiano di nome Marco. Davvero strano trovare un italiano davanti alla casa di un’attrice a Los Angeles.

Il @disinformatico trova la magica parentela su Facebook

Il @disinformatico trova la magica parentela su Facebook

Così alcuni hanno fatto delle ricerche ed è saltato fuori che tra gli amici di Silvia Bizio vi è Marco Bizio, incredibilmente somigliante al ragazzo intervistato in Live. Guarda caso, tra le foto della giornalista, si viene a conoscenza che è suo nipote! L’incredibile coincidenza che il nipote della giornalista sia passato per caso lì davanti e lei non lo abbia nemmeno riconosciuto, parlandogli pure in inglese!

marco bizio

Il nipote Marco Bizio Credit: @frocietto su twitter)

Forse i giornalisti americani hanno un pochino più a cuore la situazione e non si sono presentati come sciacalli in segno di lutto, cosa che invece non fanno gli italiani, che sono pronti a tutto pur di far qualche click, anche a falsificare interviste e a sbattere sorrisi da tutte le parti, come se fosse uno scherzo. Complimenti.

(Visited 3.751 times, 1 visits today)

Commenti

commenti

I commenti sono chiusi.